spazioiPhone: News sull'iPhone e non solo…iPad…Mac..iPod

IOS 11 : supporto nativo al formato audio FLAC

Il recente aggiornamento di IOS alla versione 11 porta un importante novità per gli appassionati di musica. IOS 11 porta  il supporto nativo per i file audio nel formato FLAC per iPhone, iPad e iPod touch.

2000px-flac_logo_vector-svg_

Al momento ne iTunes ne iOS 10 supportano questo tipo di codec audio anche se gli appassionati possono scaricare applicazioni di terze parti, per supplire a questa mancanza.
Ci sembra un importante passo avanti soprattutto per gli “audiofili“. Ricordiamo che il formato FLAC è un particolare tipo di formato audio che permette di avere una qualità sonora superiore rispetto a qualsiasi formato mp3 . Free looseless audio codec è stato introdotto circa 16 anni fà ed Apple solo oggi cerca di allinearsi almeno nell’ambito audio a questo formato molto diffuso nella rete.
Il formato offre una compressione senza perdita di audio digitale che può ridurre la dimensione del file audio tra il 50% e il 60% della dimensione originale, senza degradare la qualità audio originale.

Fino ad ora, chiunque voleva ascoltare un file audio non compresso su un dispositivo iOS doveva convertire il file nel formato ALAC di proprietà Apple, che a differenza di FLAC è supportato da iTunes.

La capacità di riprodurre audio FLAC senza perdita di qualità su iPhone, iPad o iPod touch con iOS 11 potrebbe essere una conseguenza della recente presentazione dell’ HomePod, l’altoparlante intelligente di prossima uscita sempre in casa Apple.
Oltre al supporto per FLAC, Apple ha presentato una serie di nuove funzionalità che potrebbero rilanciare la trasformazione di iOS da un semplice sistema operativo mobile a una piattaforma ibrida legittima con funzionalità desktop.

Condividi qui con i tuoi amiciShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on StumbleUpon

Se vi é piaciuto questo articolo potete iscrivervi alla nostra newsletter NEWSLETTER alla nostra pagina FACEBOOK oppure seguirci su Twitter

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed.