spazioiPhone: News sull'iPhone e non solo…iPad…Mac..iPod

iPhone in Cina ? Si ma sono falsi

Nei quartieri di Pechino  sono ormai molto diffusi, e ha pochi giorni dall’entrata nel continente asiatico dell’iPhone di Apple, sono richiestissimi gli “iPhone cinesi”.

iphone-china

Si parliamo proprio di iPhone “falsi”, e riprendendo una notizia apparsa sul corriere.it, ma di cui già se ne sapeva l’esistenza, si tratta di una copia quasi identica dello smarthphone più diffuso al mondo. Se lo paragoniamo a quello originale noteremo che è più pesante, lo schermo più piccolo, il touchscreen è meno sensibile (viene venduto con un pennino) le funzionalità notevolemente ridotte, ma  costa solamente 100 euro. Sono state fatte diverse versioni, alcuni sono quadriband altri possono addirittura utilizzare due sim card. Ma visto il prezzo ne sono già stati venduti tanti. Intanto arriva anche l’iPhone originale in Cina, con alcune delle funzionalità ridotte su richiesta del governo cinese che lo vuole senza wi-fi e senza App Store, e adesso arrivano anche gli iPhone finti. Certo Apple dovrà sudare per poter affermare il suo “device dei sogni”.

Condividi qui con i tuoi amiciShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on StumbleUpon

Se vi é piaciuto questo articolo potete iscrivervi alla nostra newsletter NEWSLETTER alla nostra pagina FACEBOOK oppure seguirci su Twitter

  • 100 euro, ma saranno ben spesi? Ovvero: quanto sarà resistente?!
    Mi sembra che su Youtube vi sono postati video in cui fanno delle prove su questi iphone “taroccati”… Non credo proprio che siano paragonabili!! =p

  • Di solito hanno touch resistivi di prima generazione (poco sensibili), dual sim, 8 gb, sono solo java con SO proprietario e sono una copia spudorata dell’iphone. Da noi qualcuno prova a venderli già importati anche a oltre 150-200 euro. Su ebay si trovano a quelle cifre e forse meno, ma spesso (ho letto) alla dogana italiana li sequestrano per questioni che non rispettano le norme CE (onde radio) e per plagio.

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed.