spazioiPhone: News sull'iPhone e non solo…iPad…Mac..iPod

SIAE : si chiama ”equo compenso” la nuova tassa per gli italiani

Proprio ieri parlavamo di pirateria e delle perdite denunciate da Apple con il suo App Store a causa delle applicazioni “crakkate”. E’ notizia di oggi un nuovo decreto annunciato dal Ministero dei Beni Culturali che con la scusa dell’”equo compenso” “spilla” altri soldi agli italiani.

equo compenso

Se possedete un qualsiasi supporto di memoria su cui ci si possa immagazzinare dei dati dovrete pagare una tassa alla SIAE. Questo perché autori ed editori devono essere pagati, perchè potenzialmente potreste memorizzare su questi supporti registrabili “copie di backup” di loro opere che siano film, musica, opere letterarie. Questa tassa viene misurata in base a MB e GB del dispositivo elettronico. Il decreto firmato il 30 dicembre 2009 dal Ministro dei Beni Culturali Sandro Bondi  parla di “equo compenso”, che già presente su i supporti magnetici e sui masterizzatori, viene esteso a computer e telefoni cellulari dotati di memoria interna. Tra questi ci sarà anche l’iPhone. Altroconsumo si è già attivata per protestare verso questa tassa ingiusta e fa notare come questo decreto colpisce anche dispositivi su cui è impossibile  fare copie di backup, come il decoder di Sky con hard disk. Questo decreto sarà operativo nel momento della sua pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale. Ringraziamo Mrtax per la segnalazione.

[fonte | via]

Condividi qui con i tuoi amiciShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on StumbleUpon

Se vi é piaciuto questo articolo potete iscrivervi alla nostra newsletter NEWSLETTER alla nostra pagina FACEBOOK oppure seguirci su Twitter

  • Come molti hanno visto negli anni passati questa legge si è fatta sentire specie sul prezzo dei Cd/Dvd vergine. Noi da bravi cittadini, siamo stati poi costretti ad acquistare all’estero (Germania per esempio),magari in quantità maggiori, dove questa normativa non esisteva con notevole però risparmio di denaro nonostante i costi di spedizione! Saremo costretti ad acquistare le nostre memorie di massa all’estero? Per l’Iphone e gli altri cellulari venduti si parla di poche decine di centesimi (90!).
    Che ne pensate?

  • Se si dovrà pagare, pagheremo anche questa tassa. Bisogna aiutare lo Stato, sperando che ci consenta di vivere in modo dignitoso.

  • ne paghiamo tante tasse inutili questa insieme alle altre, del resto io compravo su ebay dalla cina per fare collane e con la tassa mi hanno chiuso il commercio,alla fine pagare e sorridere

  • un modo come un altro per rubarci i soldi dal portafoglio senza che ci accorgiamo…

  • Di tasse ne pago già abbastanza per via della scuola, spese di ogni genere e non mi meraviglio di queste, vedo che il governo affronta ogni giorno come aiutare i ricchi mettendo nuove tasse perche i loro introiti con la pirateria diminuiscono, allora venghino le nuove tasse, fra qualche giorno metteranno una tassa anche per quello che non acquisti in questo compri o non compri la tassa è stata pagata, voi dite ma come funziona, semplice, in dichiarazione devi inserire cosa hai acquistato di tecnologico o musica, non hai acquistato per 3000 euro allora paghi una tassa di 500 euro così impari a non acquistare nulla

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed.

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com