spazioiPhone: News sull'iPhone e non solo…iPad…Mac..iPod

Una class-action contro Apple accusata di aver ridotto l’iPhone 3G in un “iBrick”

Una class-action in California è stata intentata contro Apple, accusata di “pratica commerciale sgradevole, disonesta e ingannevole”, offrendo l’aggiornamento ad iOS 4 agli utenti di iPhone 3G sapendo che lo avrebbe reso praticamente inutilizzabile.

Il 29 ottobre, gli avvocati Cohelan Khoury & Singer, hanno presentato una causa ad un giudice della contea di San Diego. Gli avvocati sostengono che Apple ha reso “false dichiarazioni” presentando iOS 4 come “un significativo passo avanti” anche per l’ iPhone 3G.

L’aggiornamento del software invece avrebbe reso l’iPhone 3G praticamente inutilizzabile, a causa dei continui rallentamenti, o il crash di molte Apps. Gli ingegneri di Apple inoltre sono accusati di attendere molto tempo prima di risolvere i problemi, a fronte di migliaia di errori presentati dagli utenti.

L’accusa è molto chiara : avere volutamente indotto gli utenti ad aggiornare il proprio iPhone 3G nel tentativo di costringere gli stessi all’acquisto del nuovo iPhone 4. E’ risaputo come l’iPhone 3G sia spesso inaffidabile, su i modelli su cui sia stato effettuato l’aggiornamento iOS 4.

Nel mese di luglio, una portavoce di Apple ha dichiarato al Wall Street Journal che  Cupertino era consapevole del degrado delle prestazioni su l’iPhone 3G con IOS 4 installato.

Durante l’evento di Apple 1 settembre, il CEO di Apple Steve Jobs aveva specificamente menzionato i bug dell’iPhone 3G e che gli stessi sarebbero stati risolti con IOS 4.1. Quanti di voi hanno effettivamente riscontrato questo miglioramento ? Fateci sapere come và il vostro iPhone 3G.

[fonte]

Condividi qui con i tuoi amiciShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on StumbleUpon

Se vi é piaciuto questo articolo potete iscrivervi alla nostra newsletter NEWSLETTER alla nostra pagina FACEBOOK oppure seguirci su Twitter

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed.