spazioiPhone: News sull'iPhone e non solo…iPad…Mac..iPod

Pinch Media : precisazioni riguardo al trattamento dei dati sensibili

Ieri avevamo pubblicato un’articolo riguardante i metodi usati da alcune applicazioni presenti in App Store per acquisire e trattare i dati sensibili degli utenti dell’iPhone nel rispetto della privacy. Particolarmente sotto accusa era stata messa l’azienda Pinch Media che fornisce servizi alle applicazioni per analizzare i dati a fini statistici. In particolare era stato evidenziato il modo in cui venivano prima presi i dati e poi utilizzati.

Oggi attraverso il proprio blog, Pinch Media risponde al DEV TEAM e cerca di fare chiarezza su quale tipo di dati vengono raccolti e a quale scopo. Noi ve ne diamo conto con un breve riassunto. L’azienda di New York afferma che i dati sono anonimi e vengono utilizzati solo per scopi di pubblica utilità e non a fini di lucro. Nessun tipo di idenficazione dell’utente viene acquisito. Questi in sostanza i dati che l’azienda raccoglie :

  • Dati hardware dell’iPhone non collegabili al proprietario;
  • Modello dell’iPphone (3G, 3GS, etc.) e sistema operative (2.2, 3.0, 3.0.1, ecc.);
  • I nomi delle applicazioni e versioni;
  • Viene controllato se il device è stato jailbreakkato;
  • Viene controllato se l’applicazione è stata rubata e se lo sviluppatore non è stato pagato;
  • Per quanto tempo viene usata un’applicazione;
  • La posizione geografica dell’utente, questo se l’utente acconsente
  • Se l’applicativo usa Facebook Connect, sesso e età dell’utente

E’ chiaro che con nessuna di queste informazioni è possibile identificare l’utente. Tutti i dati vengono aggregati e convertiti in liste. Il tutto per aiutare gli sviluppatori a migliorare i propri applicativi e ad incrementare il proprio business. Da ricordare che alcuni di questi dati sono parte dell’ iTunes EULA, a cui ogni singolo utente aderisce quando scarica un’applicativo da iTunes.
Pinch Media ci tiene a precisare anche che voleva aggiungere una funzione per tutti gli utenti che non volevano diffondere queste informazioni ma Apple non l’ha permessa. Il fine di Pinch Media è quello di raccogliere informazioni come tante altre aziende del settore. Naturalmente ognuno è libero di andare sul sito di Pinch Media e leggere direttamente il lungo articolo dedicato a questo argomento.

[fonte]

Condividi qui con i tuoi amiciShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on StumbleUpon

Se vi é piaciuto questo articolo potete iscrivervi alla nostra newsletter NEWSLETTER alla nostra pagina FACEBOOK oppure seguirci su Twitter

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed.

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com