spazioiPhone: News sull'iPhone e non solo…iPad…Mac..iPod

Il tema della religione nei videogiochi.

Con il passare degli anni le trame dei giochi sono sempre più complesse, ed uno degli elementi della vita reale più mistici che è stato introdotto nei videogiochi è proprio il tema religioso. Mass Effect 2, Final Fantasy 13, Assassin’s Creed, Castlevania: Lords of Shadow e The Elder Scrolls: Oblivion sono giochi in cui è predominante il tema religioso.

Final_images

I protagonisti ingaggiano battaglie e lotte fra fazioni diverse a scopo religioso. Le lotte e le battaglie dei protagonisti rendono il gioco molto più vario, e la narrazione molto più eccitante. I personaggi dei giochi, si chiamano Shiva, Satana, Zeus, Amaterasu oppure spesso incotriamo i Cavalieri Templari.
Tutte queste figure mitologiche e non, attraggono ogni giorno milioni di persone e non dipende dalle proprie credenze religiose. E poi è più facile ispirarsi ad esse piuttosto che crearne dei nuovi. Chiamare un mostro Cerbero anziché “Cane a tre teste” risulta ai nostri occhi più attraente. La religione si presta facilmente a per scopi narrativi. Anche nei libri nei film e addirittura nei media la religione è un potente mezzo di propaganda.

mass_images
I giochi ci permettono di sperimentare come l’influenza della religione possa cambiare il protagonista a livello individuale e modificare il modo di rapportarsi nel mondo del gioco. Aspetti che rendono il gioco più avvincente e che continua nella nostra mente anche una volta spenta la console o il computer.
L’aspetto più significativo della religione ovvero la “fede” è difficile da trovare nei videogiochi. Si spera che tutto questo non abbia effetto sulla realtà. Ossia sulla percezione che possono avere i più giovani dell’argomento religioso.

275px-Black_&_White_Logo
Un gioco che mi ha appassionato un pò di anni fà è il famoso Black &White. Si tratta di un videogioco di divinità, con diversi elementi tipici del videogioco d’azione: il giocatore interpreta il ruolo di un dio che sorveglia un’isola popolata di tribù. Il gioco presenta un mondo con elementi di magia, strategia e elementi di combattimento con “creature animali” enormi;
Il giocatore controlla questo mondo virtuale con una mano che muovendosi sullo schermo può interagire con gli abitanti dell’isola. La mano consente di spostare oggetti, svegliare i personaggi, eseguire miracoli e altre azioni. Nel corso del gioco il giocatore può decidere se effettuare o meno determinate azioni: le sue scelte vanno a modificare il karma, identificando così la divinità interpretata come buona o malvagia.

 

Via

Condividi qui con i tuoi amiciShare on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

Se vi é piaciuto questo articolo potete iscrivervi alla nostra newsletter NEWSLETTER alla nostra pagina FACEBOOK oppure seguirci su Twitter

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.