spazioiPhone: News sull'iPhone e non solo…iPad…Mac..iPod

Quanto costerà l’iPhone 3G S in Italia ?

Mentre i due operatori mobili italiani Tim e Vodafone aggiornano i propri siti web riportando informazioni e caratteristiche del nuovo telefonino di Apple iPhone 3G S, da un paio di giorni circolano le voci su i prezzi con cui si dovrebbero presentare in italia le due versioni dell’iPhone 3G S. Purtroppo le voci non sono confortanti, da giorni il sito Macity si sta occupando della questione. Le notizie che arrivano parlano di aumenti dell’iPhone che infastidiscono molto tutti gli utenti che hanno fatto la fortuna di Apple. Come al solito nel nostro paese dobbiamo subire questi aumenti ingiustificati e dettati soprattutto dalla sete dei guadagni da parte degli operatori mobili. La politica di Apple si è sempre distinta nel distribuire i nuovi prodotti lasciando i prezzi inalterati.

Inoltre l’aumento dell’evoluzione dell’iPhone 3G potrebbe accrescere il mercato del vecchio modello che dovrebbe essere venduto a prezzi ribassati, forse.

Non è certo che il costo dell’iPhone 3G S sarà  aumentato ma i segnali che arrivano da paesi come la Gran Bretagna non sono confortanti. Infatti lì la versione iPhone 3G S in versione Pay & Go, la “ricaricabile” italiana, sarà venduta ad un prezzo maggiorato. Il 3G da 16 GB,  costava 399 sterline (463 euro), oggi ne costa 440,40 (511 euro). Il modello da 32 GB (che tutti speriamo avere allo stesso prezzo del vecchio 16 GB) ora costa in Gran Bretagna 538,30 sterline contro le precedenti 399, ovvero 568 euro contro 463 euro. Da notare che il vecchio iPhone 3G resta in vendita più o meno allo stesso prezzo: 342,50 sterline contro le precedenti 349.

In Italia invece si presenta il seguente scenario : l’iPhone da 16 GB dovrebbe costare 599 euro (contro i precedenti 569, circa +5%), mentre l’iPhone da 32 GB dovrebbe costare 699 euro (+22% rispetto al modello da 16 GB precedente).

Quali sono le ragioni che inducono Apple, Tim e Vodafone ad aumentare il prezzo dell’iPhone ?

Una potrebbe essere la permanenza in listino dell’iPhone 3G nelle due versioni da 8 e 16 GB. Infatti il vecchio modello rimane sia sul sito della Tim che della Vodafone con lo stesso prezzo. Potrebbe anche essere un’operazione per vendere le rimanenze di magazzino ma difficilmente questi operatori abbasseranno i prezzi del vecchio iPhone 3G visto che lo hanno già pagato ad Apple. Rispetto a questo gli operatori sarebbero quasi cotretti ad aumentare il prezzo del nuovo modello

Un’altra possibile ragione potrebbe essere una strategia per costringere gli utenti a stipulare contratti biennali ,dati più voce, offrendo a questi clienti un prezzo del melafonino più basso rispetto ai clienti che lo acquisterebbero libero da contratti. Tutto questo in Gran Bretagna non è accaduto.

La ragione più semplice è che Apple abbia solamente aumentato i prezzi dei nuovi modelli, questo significa che il modello 16GB 3G S costa di più del modello 16GB 3G e il modello 3G da 8 GB non sia sceso di costo, questo almeno nella vendita all’operatore, così gli operatori trasferiranno questi aumenti ai clienti, come succede sempre del resto.

Una voce ottimista proveniente da altre fonti del sito Macity, che hanno avuto accesso ai listini di Telecom Italia e Vodafone, parlano di un prezzo dell’ iPhone che non cambierà (499 per il modello da 16 GB e 569 per il modello da 32 GB), il taglio del prezzo dell’iPhone sbloccato da 8 Gb. Non dovremo aspettare troppo per conoscere la verità, speriamo di non rimetterci sempre noi.

[fonte]

Condividi qui con i tuoi amiciShare on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

Se vi é piaciuto questo articolo potete iscrivervi alla nostra newsletter NEWSLETTER alla nostra pagina FACEBOOK oppure seguirci su Twitter

  • Migliore ma non ancora al top!!! specie per la batteria!!

  • invece è stato cosi!!! grandi venditori in apple!!!

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.